Attualità

Nati il 4 luglio

Tranquilli! Non è l’ennesimo sequel di un film di successo! E non vedrete un Tom Cruise sulla sedia a rotelle correre per tutto l’articolo…

Volevamo solo fare gli auguri e celebrare l’Indipendence day.

Nessun alieno, tranquilli!

Ma proprio il secondo rimando cinematografico in poche righe fa veder come la cultura americana sia legata a questo giorno sin dai tempi di Jefferson e della Dichiarazione d’ùIndipendenza resa effettiva la sera del giovedì del 4 luglio 1776.

Quattro giorni dopo la campana della Liberty Bell, forse il simbolo più comunemente associato alla Rivoluzione americana, col suo suono radunò i cittadini di Filadelfia per la lettura della Dichiarazione d’indipendenza.

Visiting-LBC-960-X-480_1.jpg

Altro anniversario eccellente è tutto italiano… anzi lo era!

Parliamo della mitica 500 che compie oggi i suoi primi sessant’anni.

La mitica auto a due porte entrerà a far parte della galleria permanente del Museo di Arte Moderna di New York, il MoMA.

<<Se è vero che la Fiat 500 ha segnato la storia dell’ automobile, è altrettanto vero che non è mai stata solo un’ automobile>> – queste le parole di Olivier Franois, Head of Fiat Brand e Chief Marketing Officer FCA – <<Nei suoi 60 anni di storia, 500 è andata ben oltre la sua manifestazione materiale per entrare nell’immaginario collettivo, diventando un’icona, che ora ha l’onore di essere certificata dall’acquisizione del MoMA: un tributo al suo valore artistico e culturale>>*.

L’esemplare acquistato dal museo è una 500 serie F, modello ritenuto il più popolare di sempre e prodotta dal 1965 al 1972.

4f0a472842f19a90e5f79446cc5a4a7d_orig

Ultimo ricordo che vorremmo condividere oggi coi nostri lettori è avvenuto nel 2004.

Nella finale del campionato europeo di calcio, sorprendendo gli amanti dello sport e contro ogni pronostico, la Grecia superava per 2-1 i padroni di casa del Portogallo e conquistava il suo primo titolo continentale.

grecia.campione.europa.2004.750x450.jpg

Ma d’altronde, anche nel lontano 1776, nessuno avrebbe scommesso un penny sulle tredici colonie in quel lontano lembo di terra e poi sappiamo tutti com’è andata…

D.D.B.

*Fonte ANSA

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: