Cronaca

LA CASSAZIONE ANNULLA LA SENTENZA DI PROSCIOGLIMENTO PER MARIO CIANCIO

ElisaGuccione.it

scarica la nostra app

di Elisa Guccione.

CATANIA – La Suprema Corte ha annullato con rinvio la sentenza con cui il gup aveva disposto il “non luogo a procedere” perché “il fatto non è previsto come reato” nei confronti dell’editore Mario Ciancio Sanfilippo accusato di concorso esterno in associazione mafiosa.

Il procuratore Carmelo Zuccaro, ha dichiarato che la Cassazione “ha riaffermato il principio di diritto per cui il reato di concorso esterno in associazione mafiosa non è di creazione giurisprudenziale, bensì è fattispecie di reato risultante dal combinato disposto dagli articoli 110 e 416 bis del codice penale di cui la giurisprudenza si è limitata a meglio definire l’ambito applicativo, così come ha fatto del resto per numerose altre norme penali” …

CONTINUA A LEGGERE

scarica la nostra app

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: