Cronaca Politica

LA GUERRA CON L’ISLAM. ERRORE GRAVE

Politica Prima

scarica la nostra app

di Francesco Salvatore.

Sempre più spesso, a seguito di attentati terroristici perpetrati nei Paesi occidentali da immigrati anche di seconda e terza generazione, si sente parlare di “guerra con l’Islam”. Ma c’è da chiedersi se debba parlare di guerra o piuttosto di un perverso effetto di un conflitto sociale maturato in un’economia neo-liberista di mercato globalizzato. Si può parlare di “guerra” solo se venissero prodotte prove incontrovertibili e pubbliche che le azioni di terrorismo sono architettate, finanziate e armate da un altro Stato per il perseguimento di una strategia di destabilizzazione, quale ad esempio il sovvertimento del governo. Se invece, in assenza di prove, si fanno solo ipotesi allora il termine guerra è improprio, anche se i terroristi sono cittadini, di fede islamica, del paese occidentale; è corretto, invece, parlare di problemi di ordine pubblico, pubblica sicurezza …

CONTINUA A LEGGERE

scarica la nostra app

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: